Miscellanea

Quanto costa ristrutturare un bagno a Roma

Il prezzo degli immobili è in calo un po’ ovunque in Italia, questo è un momento favorevole per comprare casa o fare un investimento nel mattone, soprattutto nelle grandi città. L’ideale è trovare un’abitazione a poco prezzo da poter ristrutturare con calma e a proprio piacimento, magari adottando i sistemi più innovativi per renderla di classe  energetica superiore e approfittando degli incentivi vigenti fino al 2017. Una delle prime cose che si ristrutturano in una casa è il bagno. Per chi acquista casa nella capitale, la ristrutturazione del bagno a Roma è un mercato competitivo, ma di qualità, dove è possibile effettuare lavori in modo economico e garantito, ma soprattutto a norma di legge e con le certificazioni necessarie. Il bagno è uno dei locali più importanti della casa e la sua ristrutturazione deve avvenire anche in tempi brevi.

Costi della ristrutturazione bagno Roma

Per accertarsi che un’impresa svolga bene il suo lavoro occorre fare attenzione a una serie di dettagli quali le certificazioni, i sistemi di sicurezza, i materiali, la tipologia di lavori da effettuare, la messa in sicurezza dell’impiantistica, il rispetto dei regolamenti comunali sulle metrature dei locali adibiti a servizi igienici, i sistemi di areazione.

Il costo della ristrutturazione completa di un bagno sulla piazza di Roma parte da 4.500 € (Iva inclusa), ma arredi esclusi. A volte, però, le stesse imprese propongono anche gli arredi (mattonelle, sanitari, lavabi, piatto doccia o vasca) che si aggiungono al costo dei lavori di muratura a partire da 1.500 €. Ovviamente, il proprietario è libero di scegliere sanitari di design diversi da quelli proposti da una ditta di ristrutturazioni. Con un minimo di 6.000 € si può ristrutturare il bagno. I lavori di ristrutturazione completa comportano le seguenti attività:

  • Protezione zone di passaggio prima dell'inizio lavori con teli nylon e/o cartoni;

  • Disattivazione parziale impianto elettrico bagno;

  • Rimozione sanitari e rubinetterie esistenti;

  • Demolizione pavimentazioni (sottofondo incluso) e rivestimenti esistenti;

  • Rimozione vecchi impianti di carico e scarico;

  • Realizzazione nuovi impianti di carico e scarico;

  • Chiusura tracce a parete e realizzazione del nuovo sottofondo della pavimentazione;

  • Posa del nuovo pavimento;

  • Posa del nuovo rivestimento;

  • Posa dei nuovi sanitari e rubinetterie:

  • Tinteggiatura di soffitto e pareti non rivestite previa adeguata preparazione;

  • Riattivazione impianto elettrico bagno;

  • Accumulo calo e trasporto a discarica materiali di risulta;

  • Pulizia finale.

Ovviamente ogni intervento può essere predisposto su misura o essere parziale, per cui si può avere la necessità di cambiare i sanitari, ma non di ritinteggiare, oppure cambiare la pavimentazione, ma non i sanitari e così via con conseguente variazione dei prezzi.