Viaggi

I viaggi del 2017: tutte le tendenze

{CAPTION}

 

Quali viaggi faremo nel 2017? E, soprattutto, come cambieranno i comportamenti dei viaggiatori? Secondo una ricerca stilata dal sito più famoso di prenotazioni online per il prossimo anno ci sono tendenze già ben definite secondo otto direttrici fondamentali che incarnano non solo le mete preferite, ma anche e soprattutto la maniera di essere viaggiatori, per svago, cultura o lavoro.

Le tendenze 2017

Il primo punto fondamentale è che i viaggiatori saranno sempre più esigenti. Sono in aumento, infatti, coloro che vogliono prenotare un viaggio – tra hotel, volo e accessori – facilmente, magari in modo autonomo e tramite il web. C’è chi intende configurare una vacanza direttamente dal cellulare, senza perdite di tempo e fatica. Crescerà anche il numero dei viaggiatori che useranno direttamente le app per i viaggi. Il mondo delle applicazioni in questo settore, infatti, è in costante evoluzione: oggi – direttamente con lo smartphone – si può effettuare una prenotazione, acquistare i biglietti aerei, fare il check in saltando la fila in aeroporto, avere un piccolo frasario da utilizzare in viaggio e disporre delle principali informazioni utili sulla destinazione scelta. Infinite possibilità che sembrano trascurabili nel caso di un viaggio in Europa o della prenotazione di un hotel roma, ma che diventano vitali se ad esempio ci rechiamo in un Paese orientale o arabo, dove lingua, usanze e abitudini di comportamento, sono molto lontani da quelli occidentali.

Un’altra tendenza per il 2017 sarà il bleisure, cioè la combinazione di un viaggio di lavoro con uno di piacere. Che significa? Che chi si troverà a dover viaggiare per il mestiere che fa, ne approfitterà sempre più spesso per ritagliarsi momenti di svago e cultura personale, magari dedicandosi a sé stesso per qualche ora. Chiaramente ci sono mete che si prestano di più e posti dove il mix è difficile da realizzare.

L’avventura sarà un altro dei temi primari del prossimo anno. La maggior parte dei viaggiatori del terzo millennio, infatti, si aspetta più coinvolgimento e adrenalina dai suoi viaggi. Si cercano sempre più delle destinazioni inusuali, esotiche, isolate e poco popolari, magari in luoghi pieni di spiritualità e storia antica. Si amano i viaggi in solitaria e poco turistici. Le mete preferite? La Birmania, ad esempio, o l’Africa. E ancora la Thailandia, una destinazione sempre molto amata, ma che comincia a prestarsi per una fruizione meno turistica e scontata: sempre più viaggiatori creano il loro viaggio tailandese da soli, direttamente sul web.

Importante sarà anche il tema dell’ambiente. I viaggi ecosostenibili per destinazioni naturalisticamente importanti saranno sempre di più, un luogo del cuore, allora, sarà la Provenza.

 

Infine, i viaggiatori del prossimo anno vorranno immergersi nell’umanità e nelle tradizioni delle destinazioni che sceglieranno. Meglio un bed and breakfast di un hotel a cinque stelle, allora, che consenta di scambiare qualche parola con il proprietario e di avvicinarsi alla cultura locale.